Il (maledetto) blocco dello scrittore

  Ormai è passato qualche anno, ma ricordo come fosse ieri l’esordio di una e-mail dedicata al reparto di un mio collega dal passato letterato. Le parole usate erano grossomodo: con la mia esperienza da giornalista, non ho paura di affrontare  una pagina bianca. Oggi come allora l’unico commento che mi viene in mente è: “beato lui”. Innanzitutto per l’essere entrato in possesso del tesserino da professionista (esperienza … Continua a leggere Il (maledetto) blocco dello scrittore

Il cerchio della vita

Il re leone (The Lion King) - 1994. Diretto da Roger Allers e Rob Minkoff. Prodotto dalla Walt Disney Feature Animation e distribuito dalla Walt Disney Pictures.
Il re leone (The Lion King) – 1994. Diretto da Roger Allers e Rob Minkoff. Prodotto dalla Walt Disney Feature Animation e distribuito dalla Walt Disney Pictures.

Titolo e foto non sono originali, non c’è bisogno di sottolinearlo. Forse non lo sono nemmeno le storie che hanno incrociato la mia in questi ultimi giorni. Però, è proprio vero, qualunque sia la trama, quando ci sei in mezzo è tutta un’altra musica. Continua a leggere “Il cerchio della vita”

Il lobbismo, o il sistema dell’opportunità selettiva

woman-hand-smartphone-desk

Cinque anni or sono, piena di entusiasmo e belle speranze, una brillante laureanda in Scienze della Comunicazione discuteva davanti ad una Commissione appositamente riunita la propria tesi, dal controverso tema della rappresentanza degli interessi economici nel mondo politico, trasversale per tutto il mondo occidentale. Continua a leggere “Il lobbismo, o il sistema dell’opportunità selettiva”

Il trauma dell’abbandono (tecnologico)

cA4aKEIPQrerBnp1yGHv_IMG_9534-3-2

INCREDULITÀ

L’improvviso malfunzionamento di un qualsiasi supporto tecnologico, qui esemplificato nel personal computer della sottoscritta, è solitamente seguito da una fase di incredula negazione. Non è possibile, oppure è uno scherzo, sono i primi pensieri che accompagnano la realtà di uno schermo con aperte venti finestre di lavoro improvvisamente nero. È d’obbligo la ricerca di cam nascoste nella stanza: sicuramente sarà solo una simpatica trovata di qualche buontempone, ansioso di avere tra le mani un video di genuino terrore con cui scalare le classifiche di Youtube, o un pesce d’Aprile sgradito e in anticipo.

Continua a leggere “Il trauma dell’abbandono (tecnologico)”