Lettera aperta all’ominide medio

La lotta contro la violenza sulle donne ha fatto da padrona nella giornata del 25 novembre. Peccato che allo scoccare della mezzanotte le funzionalità celebrali di troppi “innocui” individui si siano nuovamente azzerate

Fonte: www.flickr.com
Fonte: http://www.flickr.com

“Odiatemi perché sono bella” non è proprio la frase che userei per descrivermi. Non cerco facili complimenti o rassicurazioni, dico solo che tra me e Bar Rafaeli ci sono giusto delle minime differenze riscontrabili ad esempio nella cromia dei tratti somatici, nella fisionomia del viso e in qualche chilometro di gambe in meno. A parte questo, siamo due gocce d’acqua, per lo meno secondo quella categoria di uomini che ha fatto dell’analisi del lato b un’arte oratoria pittoresca e in continua evoluzione.

Inoltre, quando parlo non amo accentuare la lettera “o”. Non sono mai stata portata per la dialettica impostata, non per niente ho resistito solo tre lezioni quando ho provato a frequentare un corso di teatro. Quindi è inutile con me basare una discussione su ammiccamenti e strizzatine d’occhio: si corre il rischio di farmi partire un vaffan…, sempre di moda, piuttosto che una parodia soft di gola profonda.

Da queste piccole premesse avrete capito che faccio parte di quella categoria di noiosissime donne che ancora perseguono il vano obiettivo di affermarsi utilizzando un organo decisamente demodé in troppi ambienti imprenditoriali italiani, il cervello.

Io non pretendo da voi, cari ominidi, l’illuminazione divina alla Paolo Di Tarso. Francamente trovo improbabile che un giorno, vicino o lontano, arriverete a capire che espressioni come “lavorare a stretto contatto”, “utilizzare le armi femminili” o “conoscere le persone giuste per fare carriera” (senza citare gli esempi più bassi), possano essere un’offesa per chi le riceve, e non un lusinghiero apprezzamento alle visibili e uniche qualità che secondo voi hanno le vagine ambul… ehm, donne.

Non pretendo neanche che possiate capire quanto siate patetici nel chiedere più o meno velatamente sesso a donne sconosciute in cambio di un qualsivoglia genere di favore, chiaro segnale che nella vita nessuna vi si fila se non grazie a quel briciolo di potere che avete, per merito o fortuna, racimolato negli anni.

L’unica cosa che vorrei ottenere è la creazione, nella vostra spaziosa estremità superiore, di due categorie distinte di femmine: le esuberanti libertine, consenzienti, divertenti e che vi faranno sognare a occhi aperti (mentre magari loro li terranno sigillati) e le pantofolaie da biblioteca (categoria che non comprende solo le simili di Rosy Bindi), dotate di un deficit mentale che le costringe a non trovare soddisfazione nel regalarvela come il pane fresco a fine giornata.

La differenza è tutta qui: fate scegliere alle donne da che parte della barricata stare, cogliete le opportunità solo dove si presentano realmente e soprattutto smettetela di usare una notte passata a rotolarsi tra le lenzuola come discriminante per decidere tra svariati curriculum vitae. Piuttosto, tenetevi il trastullo come anti stress post ufficio, che può essere sempre utile.

Ne guadagneranno le vostre parti basse, gli ambienti di lavoro, le strade, i pub, le conversazioni, la qualità della vita. In due parole, il Mondo. Ce la possiamo fare, o è un concetto troppo difficile?


N.b. Nessun primato è stato maltrattato durante la scrittura di questo pezzo. La foto è una rappresentazione di un comune archetipo evolutivo in chiave ironica e non sottintende alcuna mancanza di rispetto verso la comprovata intelligenza animale.
P.S. Prima che all’autrice venga posta l’obiezione di essere una zitella sola e inacidita verso il mondo, è d’obbligo sottolineare che gli Uomini esistono ancora. L’autrice ci crede, per questo sta organizzando il suo matrimonio.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.